Associazione ParmaKids

Divertirsi con l’archeologia a Parma!

Quando eravate bambini non avete mai desiderato fare l’archeologo? E quale tra i vostri bimbi non ha mai giocato a scavare nella terra e trovare ossa di dinosauro? Ora tutti i bambini di Parma potranno divertirsi con l’archeologia, grazie all’iniziativa Archeologia in giardino,  5 appuntamenti con laboratori di archeologia e attività didattiche, in programma ogni sabato ai Giardini di San Paolo (Str. Melloni Macedonio – Parma), fino al 29 agosto.

L’iniziativa Archeologia in giardino, riservata ai bambini e ragazzi tra i 7 e i 14 anni, è realizzata da Comune di Parma, Assessorato alla Cultura del Comune di Parma, VEA – Gruppo Archeologico, Gpt – Giovani per il territorio, ibc – Istituto per i beni artistici culturali e naturali, Regione Emilia Romagna.

La prenotazione è obbligatoria, costo € 5. I bambini devono essere accompagnati da un adulto. Info e prenotazioni: tel. 0521 508184 – mail archeovea@libero.it.

Programma 

Sabato 25 luglio
Mattina dalle 9 alle 11.30: Scavo
Pomeriggio dalle 15.30 alle 18: Età romana

Sabato 1 agosto
Mattina dalle 9 alle 11.30: Arti
Pomeriggio dalle 15.30 alle 18: Danza del Rinascimento

Sabato 8 agosto
Mattina dalle 9 alle 11.30: Preistoria
Pomeriggio dalle 15.30 alle 18: Medioevo

Sabato 22 agosto
Mattina dalle 9 alle 11.30: Scavo
Pomeriggio dalle 15.30 alle 18: Età romana

Sabato 29 agosto
Mattina dalle 9 alle 11.30: Arti
Pomeriggio dalle 15.30 alle 18: Danza del Rinascimento

Descrizione delle attività:

1) Preistoria. Colori naturali, vasi d’argilla e strumenti quotidiani in osso e pietra. I ragazzi impareranno come produrre i colori a partire da terre e pietre, potranno realizzare un vaso neolitico e osservare la lavorazione del palco di cervo, di legni particolari e della pietra. Queste sono solo alcune delle attività che verranno proposte con l’intento di far avvicinare i bambini al mondo naturale e alla storia, sviluppando la capacità d’osservazione e l’interesse verso l’ambiente che li circonda.

2) Laboratorio di ceramica romana. Attività suddivisa in due momenti, teorico e pratico, legato alla fabbricazione di oggetti di uso comune durante l’epoca romana imperiale. La fase teorica
evidenzierà attraverso supporti multimediali la scelta e l’ utilizzo delle materie prime (argilla, pietre, metalli ecc.) e le tecniche di cottura dei vasi, mattoni e tegole nelle le fornaci. Nella seconda fase si punterà all’elaborazione di manufatti in argilla di semplice composizione, quali bicchieri o scodelle/ciotole o elaborati per la creazione di stampi per lucerne.

3) Medioevo. Il fuoco, la mensa e i semplici: ceramica e erboristeria in cucina. Valutare l’importanza della ceramica nella vita di tutti i giorni osservando le forme e le decorazioni delle principali forme ceramiche usate per cucinare e consumare il cibo in ambito monastico e non. Partendo dal ruolo dei centri monastici nel tramandare le conoscenze agricole si esaminano le erbe e
i loro utilizzi alimentari documentati nelle fonti medievali da Ildegarda di Bingen alle testimonianze provenienti dal territorio appenninico. Il laboratorio si articola attorno alla mensa medievale: dopo aver preso ispirazione dalle decorazioni più comuni sulle ceramiche medievali si propone di realizzare la propria decorazione con i colori naturali storicamente utilizzati. Una volta pensato al
contenitore si passa al contenuto, dopo aver spiegato attraverso un gioco di carte le virtù delle principali piante presenti nei giardini si realizza un erbario partendo da schede fornite.

4) Imparo con l’Archeologo. Simulazione dello scavo archeologico. Ai partecipanti sarà spiegato, da archeologi professionisti, come funziona il metodo archeologico, in modo da far comprendere
come possa essere “letto” il terreno e i reperti che si trovano al suo interno. Dopo questa introduzione si passerà alla fase pratica in cui i ragazzi potranno scavare all’interno di casse appositamente preparate. Oltre all’attività di ricerca dei reperti sarà insegnato loro come documentarli e in che modo ricostruire la storia nascosta in quella scatola del tempo.

5) Arte medievale e rinascimentale. Il laboratorio porterà i ragazzi alla scoperta di due diverse tecniche artistiche, miniatura e affresco. In un primo momento si indagherà la figura dell’artista attraverso le due diverse tecniche esecutive, i soggetti preferiti e i materiali e supporti utilizzati; in un secondo tempo i ragazzi potranno realizzare la propria opera d’arte personale. Per realizzare un
affresco, dopo aver scelto un soggetto da riprodurre verrà distribuito a ciascun ragazzo un piccolo supporto ligneo su cui stendere la base preparatoria, realizzare la sinopia e infine dipingere a fresco. Per la miniatura i ragazzi avranno la possibilità di ricreare una pagina miniata scegliendo tra un capolettera o un soggetto figurato. Lavorando su una “pergamena” di carta invecchiata a mano,
impareranno a mescolare i pigmenti e le polveri brillanti per creare i propri colori e a distinguere le fasi di disegno, contornatura e doratura.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

vivere parma da 2 a 10 anni