Tag: psicologia bambini

Non solo pappa: cosa fare quando tuo figlio rifiuta il cibo?

Mi capita spesso di ricevere richieste di aiuto da parte di genitori disperati perché il loro bambino rifiuta il cibo oppure è talmente selettivo nella scelta da chiedere sempre le stesse tre cose rifiutando di assaggiare tutto ciò che è nuovo. Solitamente questa problematica si instaura nel periodo della Scuola dell’Infanzia, dai 3 ai 6 anni. Leggi i consigli della nostra psicologa

La regressione del sonno: i terribili 2 anni

I due anni rappresentano una tappa molto significativa nello sviluppo di un bambino: si parla dei “terribili due anni” perché le parole più usate da quasi tutti i bambini di quell’età sono “no”, “io” e “faccio da solo”, che rappresentano perfettamente l’esigenza di affermare la propria identità e autonomia. In questa fase solitamente i bambini  raggiungono il culmine nel processo di separazione / individuazione dalla mamma iniziato intorno ai sei mesi e  hanno bisogno, in un certo senso, di opporsi ai genitori per affermare la propria individualità. Continua a leggere

Benessere: quando occuparci di noi è alla base della nostra felicità… e di quella dei nostri bambini

Possiamo essere genitori, nonni, zii, educatori, insegnanti o altro. Prima di tutto però siamo persone e il primo diritto/dovere nei confronti di noi stessi, ma anche nei confronti di chi divide la vita con noi, siano essi altri adulti o i nostri bambini, è occuparci del nostro benessere. Cosa vuol dire questo? Lo abbiamo chiesto alla psicologa e psicoterapeuta di ParmaKids, la Dottoressa Ilaria Baldini! Ecco qui di seguito l’articolo che ha scritto per noi!

Continua a leggere

Non chiamatemi femminuccia! La differenza di genere nell’educazione dei bambini

Molto spesso si sente parlare di “differenza di genere”: a voi è mai capitato di fare esperienza di cosa significa con i vostri bambini? Qualche giorno fa mentre ero al parco con mia figlia e le sue amichette mi è capitato di sentire una frase che non sentivo da tempo, una mamma rivolgendosi al proprio bambino che piangeva per un dispetto, subito ha detto “ma dai smetti di piangere, non fare la femminuccia!”  Continua a leggere

Quando ridere a scuola fa bene

Qualche giorno fa mi è capitata una cosa banale ma rivelatrice. Un amico mi ha fatto leggere un articolo che riprendeva ironicamente tutti i partiti uscenti dalle elezioni, usando commenti efficaci, realistici ma estremamente divertenti ed ironici. Ho cominciato a ridere, da sola, e non potendo smettere ho chiamato l’amico che mi aveva mandato il link, e abbiamo riso insieme. Ridevo ancora mentre andavo a lavorare, e quel giorno mi aspettava una situazione abbastanza complicata che normalmente mi mette in uno stato di tensione notevole per tutta la preparazione che mi richiede. Eppure mi sentivo così leggera e aperta che non mi spaventava più quella prospettiva, anzi sono riuscita ad accorgermi di dettagli che avevo trascurato le volte precedenti, e ho colto perfettamente la sintonia con la ragazza con cui dovevo rapportarmi. La seduta è andata benissimo e sia io che lei abbiamo imparato qualcosa da quell’ora insieme. Continua a leggere

Come rendere la matematica una materia piacevole e giocosa per i bambini

Come rendere la matematica un gioco per i bambini? Bella domanda. Da sempre la parola matematica evoca sforzo, astrusità, connotazione di genere (maschile), pur essendo lei femminile. La matematica è il mostro che attende i nostri bimbi al varco, come a dire “adesso vediamo chi ce la fa” e il problema è che chi pensa di non farcela lo accetta ormai di buon grado, perché è socialmente condiviso e accettato il fatto che in matematica sono bravi solo i geni, e di solito geni maschi. Continua a leggere

Studio Grounding: pilates in gravidanza, yoga per bambini e tanto di più…

C’è un posto a Parma dove la donna e il bambino sono al centro, al centro di percorsi e attività che le accompagnano dalla gravidanza ai primi anni di vita, un posto di donne che si occupano di altre donne e lo fanno “con i piedi ben piantati a terra” e seguendo emozioni, sensazioni e percezioni.

Continua a leggere

Mondo, Strega comanda colore, Uno due tre stella… ecco perchè i bambini di oggi dovrebbero tornare a giocare come una volta

Ramona Pagnottaro, psicologa degli apprendimenti che collabora con ParmaKids, ci spiega perchè i nostri bambini dovrebbero tornare a giocare ai giochi di una volta: a nascondino, a mondo, a strega comanda colore e a uno due tre stella… non solo!

Leggi l’articolo di Ramona Pagnottaro

Le fiabe sono alleate di noi genitori? Scoprilo sabato 18 marzo allo Studio Logos.

Quante volte le fiabe possono aiutarci nella relazione con i nostri bambini?

Scoprilo sabato 28 ottobre, dalle 10 alle 11.30, allo Studio Logos (Via dei muratori 10 – Botteghino – Parma).   Laura Pizzi (terapista della neuropsicomotricità dell’età evolutiva), Annalisa Finardi (psicologa e psicoterapeuta) e Carla Pinfari (psicologa e psicoterpeuta) vi faranno scoprire come utilizzare la fiaba come strumento per il riconoscimento delle emozioni! Continua a leggere